menu

18.09.2022

SANITA'. LA CULTURA DEL DONO SOSTIENE I TRAPIANTI

Cinquant'anni dalla fondazione dell'associazione che diffonde la cultura del dono degli organi. E' Vicenza la città veneta con il maggior numero di adesioni. Per i medici è un fondamentale aiuto: senza dono non ci possono essere trapianti e invece anche quest'anno sono stati moltissimi i pazienti salvati.
In Veneto ci sono 1200 pazienti in attesa. La loro condizione sanitaria è chiara: i loro organi sono gravemente compremessi e la speranza è legata alla possibilità di ricevere un rene, un fegato, ...un cuore, un polmone o un pancreas nuovi, donati da qualcuno. E in Veneto peraltro ci sono quasi mille persone che si sono dette disponibili a donare, dando esplicitamente il loro consenso. Senza dono il trapianto non c'è, la speranza svanisce. Ma in veneto il lavoro dei chirurghi, anche quest'anno ha segnato un incremento, come ha spiegato il dottor Giuseppe Feltrin che è il coordinatore regionale dei trapianti.
Stamane un corteo ha portato L'Aido da San Lorenzo fino a piazza dei Signori per incontrare la popolazione, ieri è stato organizzato un importante convegno. Emerge una realtà importante: in 50 anni Aido è stato in grado di raggiungere tante persone e di far crescere la sensibilità e la gioia del dono

Servizi 18 Settembre 2022

01/12/2022 TvA Notizie

Telegiornali