menu

29.05.2022

ROMANO. “MARCO BORTIGNON VIVEVA PER LA SUA FAMIGLIA”

Una comunità in lutto a Romano d’Ezzelino per la morte di Michele Bortignon, da tutti conosciuto come Marco, il pilota di Rally che ieri ha avuto un infarto mentre guidava a fianco della figlia. “Un uomo che viveva per la sua famiglia”lo ricorda così il cognato. “Per favore non suonare, la famiglia chiede riservatezza”. E’ il cartello esposto all’esterno della casa di Michele Bortignon, il pilota 51enne morto sabato per un malore durante il Rally storico Campagnolo a ...Recoaro Terme. Tutti lo chiamavano Marco e così infatti è scritto anche sul campanello dell’abitazione di via Albertoni a Romano d’Ezzelino. All’esterno del gruppo di abitazioni troviamo il cognato.
Alessia era il navigatore, la figlia 21 enne di Marco Bortignon, che si era rimesso alla guida di un’auto da rally, era una ventina d’anni che aveva abbandonato la sua passione. Per mettere in salvo la figlia e scongiurare conseguenze per gli altri automobilisti Marco Bortignon è riuscito ad accostare nonostante l’infarto, finendo contro un muretto. La figlia ha assistito alle manovre di rianimazione.
Marco Bortignon lavorava nell’azienda di famiglia a Borso del Grappa. Lascia tre figli. Il più piccolo di 16 anni li aspettava ai box del Team Bassano.

Servizi 29 Maggio 2022

01/10/2022 TvA Notizie

Telegiornali