menu

25.05.2022

LA TRUFFA DELLA PENSIONE DI CITTADINANZA

Sulla carta erano cittadini del Polesine over 67 anni che vivevano da soli o in qualche caso con famigliari disabili e non autosufficienti. Per questo avevano diritti alla pensione. Peccato che le dichiarazioni e le autocertificazioni fossero inesatte e in parte false. In cento sono stati denunciati dalla guardia di finanza di Rovigo. Tutti cittadini rumeni che nonostante l’origine straniera la pensione avrebbe avuto diritto a riceverla se residenti in Italia da dieci anni, gli ultimi due dei quali in ...modo continuativo). Ma questo non era mai avvenuto. Loro se ne stavano nel paese di origine e in Italia avevano solamente il contro corrente per ricevere l’accredito mensile. Una truffa da più di 700 mila euro l’anno.
Soldi in parte depositati in carte prepagare poste pay finite sotto sequestro. Per scovarli i militari delle fiamme gialle hanno passato al setaccio numeri e nomi presenti in oltre cento banche dati. Non c’è voluto moto per scoprire da movimenti bancari, spese personali fatte con le carte di credito che quei cittadini romani non avevano mai messo piede in Italia nell’ultimo biennio. Da inizio anno salgono a 192 le persone denunciate dal comando provinciale di Rovigo come falsi percettori di redditi e sussidi. Una frode accertata di oltre un milione di euro e una truffa sventata alle casse dello Sato di 8 milioni e mezzo

Servizi 25 Maggio 2022

06/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

05/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

04/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

03/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

02/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

01/10/2022 TG Veneto News 2a Edizione

Telegiornali